Martina Mazzieri

 

 

Instuctured Place

 

 

Un sogno irreale. Una paura reale. Capisci che la tua mente ti vuole dare dei segnali, ma come comprenderli?

Quella musica, che ascolteresti tutto il giorno ti riscalda. Ti dona la gioia per pensare positivo malgrado tutto.

Decidi di andartene, seguendo le impronte di altri.

Esaltata. Piena di vita. Probabilmente capace di fare qualsiasi cosa.

Incontri persone, impari religioni, scopri pensieri che sono sempre stati tuoi, ma che hai sempre rinchiuso in te stessa.

Vai contro corrente e litighi. Litighi con le idee che non condividi, seguendo l'esempio di Socrate.

Ti piace discutere. Ti tiene viva. Pensi che sia ora.

Ora di cambiare le idee che sono state inculcate in tutti noi con l'educazione. Ma non per forza vere.

Ci provi. Allo stremo delle tue forze ti rialzi da terra, abbattuta dall'ignoranza di massa.

Inizi a capire. Per far cambiare idea, necessiti di un aiuto.

Trovi la forza per andare avanti e combatti un'altra battaglia.

E' possibile vincere? Serve novitÓ. Come il rostro romano, necessito di un semplice stumento per far comprendere molti.

Uno. Due. Tre. L'ignoranza inizia a perdere colpi su colpi. Cinquanta.

Apri gli occhi. Lo spazio irreale poteva essere reale, ma non lo era. Pensi di aver perduto. Ma in realtÓ hai vinto.

Hai vinto un modo per realizzare ci˛ che reputavi necessario, e sai come usarlo.

Sfruttalo e combatti. Qualcosa cambierÓ.